Le ruberie napoleoniche in Biblioteca Capitolare

Sabato 17 novembre 2018 ore 17.00 e ore 18.00
Esposizione temporanea di codici e incunaboli requisiti dai francesi nel 1797

Durante l’esposizione temporanea sarà presentata una selezione dei testi sottratti e poi restituiti. In particolare saranno visibili: gli atti relativi al sequestro dei volumi, il codice vergato dal lector Ursicino, primo documento esplicito che attesti l’esistenza dello scriptorium veronense, risalente al 517 d.C., il De casibus virorum illustrium di Boccaccio, le Commedie di Terenzio, il De secundo bello Punico di Tito Livio, e una miscellanea di testi di Domizio Calderini, umanista veronese. Tra gli incunaboli saranno esposti una Bibbia del 1471, restituita alla biblioteca priva dei fogli decorati, il Commento di Marziale di Calderini del 1474, una miscellanea di opere di Properzio, Catullo e Tibullo del 1487, una Divina Commedia commentata da Landini del 1491 e il Polifilo del 1499. Quest’ultimo volume è considerato dai bibliofili, uno dei più bei libri mai stampati di tutti i tempi. INFO 

Condividi con

Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy