Un pallone che rotola…nella storia!

La storia di una città, così come la storia della sua gente, spesso non è narrata dai grandi avvenimenti epocali che ne hanno tracciato il percorso nei secoli ma molto più semplicemente da quei fatti più o meno “speciali” – come per esempio vincere uno scudetto! – che più da vicino hanno toccato e riguardato la vita quotidiana delle persone e quindi della città stessa.

La metafora del pallone che rotola – a partire proprio dall’attualità odierna per arrivare fino agli inizi del Novecento quando viene fondato l’Hellas Verona Football Club – saranno il pretesto per rivivere in diversi quadri teatrali la vicenda storica, culturale, politica e sociale della città di Verona analizzata soprattutto nei suoi profondissimi cambiamenti urbanistici, architettonici, viabilistici…

Rivedendo le immagini in bianco e nero dei diversi luoghi della città – tra cui per esempio il vecchio stadio Bentegodi in Cittadella – molti rimarranno stupiti da quanto profondo sia stato il cambiamento che, anche sotto la spinta dei disastrosi eventi bellici del Novecento, ha subito la nostra città.

Se poi facessimo ancora un piccolissimo passo indietro rispetto al fatidico anno 1903, probabilmente non riusciremmo nemmeno a capire com’era Verona ma soprattutto com’erano i Veronesi…

EVENTO SU INVITO

L’obiettivo della serata, organizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Cenacolo Veronese, è quello di far conoscere a Fondazione Discanto e alle sue aziende il mondo sportivo e contestualmente presentare Fondazione Discanto alla realtà calcistica cittadina e ai suoi sostenitori.

L’evento, aperto a giocatori di ieri e di oggi, ma anche ad imprenditori e ad appassionati, mira ad essere un momento d’incontro e di scambio reciproco in grado di creare un connubio vincente fra la cultura storico-artistica della città di Verona e quella calcistica, due facce della stessa medaglia.

Condividi con

Newsletter