News

L’USIGNOLO O DELL’AMICIZIA

LIBERAMENTE ISPIRATO AL RACCONTO OMONIMO DI HANS CHRISTIAN ANDERSEN
Lo spettacolo è la storia di un incontro inaspettato tra una strana signora e una ragazza distratta e frenetica. Due mondi apparentemente lontanssimi si scontrano e si confrontano dentro una stanza magica. Ciò che affiora è un mondo incantato che la signora conosce in ogni dettaglio: il palazzo più bello del mondo, un giardino immenso, una sguattera saggia, un usignolo piccolo e grigio dal canto libero e meraviglioso, un usignolo meccanico d’oro, di diamanti e di pietre preziose, dal canto perfetto e sempre uguale, e infine l’imperatore della Cina che davanti alla morte scopre e sente qualcosa di nuovo dentro di lei, come un frullio leggero d’ali, qualcosa che si è risvegliato nel momento in cui ha iniziato ad ascoltare…
Saper ascoltare significa dare spazio a sé stessi e agli altri, significa aprirsi all’amicizia e all’empatia. Noi tutti abbiamo un usignolo dentro di noi, ma forse non lo sappiamo. Il suo canto infatti si rivela solo a coloro dall’ascolto profondo, dalla mente aperta e dal cuore appassionato. E per coltivare tutto ciò ci vogliono cura e attenzione


⚠️AVVISO⚠️
Si informa che i posti per lo spettacolo sono esauriti.
L’ACCESSO E’ CONSENTITO SOLO A CHI HA EFFETTUATO LA PRENOTAZIONE

INIZIO SPETTACOLO: ore 21.00
INGRESSO: 2€

Lo spettacolo si svolgerà nel salone principale di Villa Vecelli Cavriani.


Gli eventi organizzati sono condotti nel rispetto delle normative vigenti in materia di prevenzione del contagio da Covid-19 (tra cui DPCM dell’11 giugno 2020), di cui si chiede l’osservanza da parte dei partecipanti. L’organizzzione è esente da ogni responsabilità in caso di comportamenti non conformi a quanto disposto.


PER INFORMAZIONI:
Biblioteca Comunale Galileo Galilei – via C. Montanari, 59
045 6340501 – [email protected]


C’era una volta…Ennio Morricone

Nella splendida cornice di Villa Vecelli Cavriani, Fondazione Discanto, con il patrocinio del Comune di Mozzecane, organizza una nuova iniziativa all’insegna della musica.

Lo spettacolo di sabato, C’era una volta…Ennio Morricone, vedrà in scena il musicista e maestro d’orchestra Nicola Guerini in una narrazione dell’uomo e del mito Morricone con le musiche suonate al pianoforte, la carriera e gli aneddoti, e le immagini dei film proiettate sulla villa. “Questa serata è un tributo doveroso dedicato a un grandissimo musicista, compositore e arrangiatore italiano – spiega Guerini -. A lui dobbiamo la capacità di creare un’identità del cinema italiano, fondendo in un tutt’uno le melodie e le immagini dei film di Sergio Leone. Ma ricordiamoci che il vincitore di due premi Oscar ha scritto partiture per ogni genere musicale, dal jazz alla dodecafonica alla musica leggera, perché negli anni Sessanta ci sono tanti pezzi, come Se telefonando e Il mondo, di cui lui ha firmato le musiche”. Il viaggio emozionale tra musica e parole partirà dagli esordi con la tromba di Morricone per arrivare poi al suo ingresso nel mondo della composizione di musica per film. Ci saranno anche testimonianze inedite e aneddoti che sveleranno lati sconosciuti di un personaggio che, nella vita, era schivo e riservato.

Musicista curioso e aperto alle diverse contaminazioni stilistiche del linguaggio musicale e della prassi esecutiva, Guerini ha debuttato a 24 anni, in veste di compositore e direttore d’orchestra, al Teatro Nuovo di Verona con l’opera Zàabok commissionata dalla Fondazione Arena di Verona. La sua attività artistica lo ha visto impegnato con orchestre prestigiose, tra cui il Divertimento Ensemble, la Mozart Chamber Orchestra, l’Ensemble ‘900 di Lugano, l’Icarus Ensemble, la Targu Mures Philarmonia, la Sofia Philharmonia, la Rousse Philharmonic Orchestra, i Berliner Symphoniker, l’Orchestra Sinfonica di Roma. Dal 2013 è presidente del Festival internazionale scaligero Maria Callas di Verona e del Premio internazionale Maria Callas. Guerini si è aggiudicato il Premio Pizzicato Supersonic con il disco inciso per l’etichetta Naxos Holocaust Requieme di Boris Pigovat, alla guida dell’Orchestra Sinfonica della radio e televisione croata, ed è stato in nomination all’International Classical Music Award 2016 per la musica contemporanea.

“Io penso che, quando fra cento, duecento anni, vorranno capire com’eravamo, è proprio grazie alla musica da film, che lo scopriranno.” (Ennio Morricone)

INFO EVENTO
SABATO 22 AGOSTO ORE 21.00
BIGLIETTO UNICO 5€
APERTURA BIGLIETTERIA: ORE 20.30
PRENOTAZIONE FORTEMENTE CONSIGLIATA:
–> clicca qui per prenotare

CONTATTI
[email protected]
+ 39 379 161 3613
www.fondazionediscanto.it


Talent Music Summer Festival

Fondazione Discanto produce e organizza il TALENT MUSIC SUMMER FESTIVAL, una nuova rassegna estiva a Mozzecane, con la direzione artistica dell’Associazione Culturale Artematica e con il Patrocinio della Regione Veneto, della Provincia di Verona e del Comune Di Mozzecane.
Numerosi sono i concerti in programma nel giardino di Villa Vecelli, a cadenza settimanale, pensati per coinvolgere gli appassionati di musica e al contempo per fornire una vetrina a giovani musicisti.

La Master Orchestra, orchestra di 25 elementi diretta dal M° Sergio Baietta, darà la possibilità di esibirsi in orchestra a giovani musicisti internazionali già vincitori di prestigiosi concorsi e affermati concertisti, selezionati nell’ambito dei corsi di perfezionamento che si svolgeranno presso Villa Vecelli dal 27 luglio al 27 settembre 2020.

Discanto da sempre sostiene iniziative culturali in ambito musicale prestando attenzione alle attività che valorizzino i territori di Verona, Mantova e il vicino Garda. Quest’anno più che mai la ripresa delle attività, fortemente voluta dal nuovo Consiglio di indirizzo composto da professionisti e imprenditori, è un segno tangibile di un ritorno alla normalità dopo mesi di difficoltà.


La realizzazione del Festival è possibile grazie al sostegno di: EOM Italia, Italpollina, Ma.Pa Servizi Fiduciari, Massimiliano Fasani Consulente Finanziario, Mazzimpianti, Metal.Riv, Perina Giancarlo impianti elettrici, Studio Commerciale Turina Dr. Roberto, Scaligera Arredamenti, Scapin 1935, Sitip, Uomo&Ambiente, Sinergia, Cordioli Diego Gestioni Assicurative, Associazione Culturale Artematica


Una grande estate di spettacoli a Villa Vecelli Cavriani

Il Comune e Fondazione Discanto uniscono le forze per dare vita a un ricco cartellone che abbraccia tre mesi a Villa Vecelli Cavriani:

la scalinata diventa il palco, il giardino una platea da 250 posti

A Mozzecane pubblico e privato uniscono le forze per dar vita a una grande estate di spettacoli che punta a ridare slancio al territorio dopo i lunghi mesi di lockdown. Il Comune e la Fondazione Discanto organizzano infatti un ricco cartellone di concerti, patrocinato dal Comune e dalla provincia di Verona, che partirà il 18 luglio e si concluderà alla fine di settembre negli spazi esterni di Villa Vecelli Cavriani, con la scalinata che diventerà il palco ideale per orchestre e solisti e il giardino trasformato in una platea da 250 posti a sedere.

Il cartellone si comporrà di due rassegne. La prima, intitolata “Narr.azioni”, si svolgerà sabato 18 e domenica 19 luglio e onorerà nella prima serata una grande interprete italiana, Mia Martini, con la cantante Stephanie Océan Ghizzoni Quintet accompagnata da Daniele Rotunno al pianoforte, Marco Pasetto al clarinetto e sax soprano, Enrico Terragnoli al basso acustico e Anna Pasetto al violino. Nella seconda Stephanie Ghizzoni sarà accompagnata dalla big band ritmo-sinfonica Città di Verona diretta da Marco Pasetto e rivisiterà 15 capolavori della musica italiana degli ultimi 50 anni, da Bruno Martino a Paolo Conte. La seconda rassegna si intitola “Talent music summer festival” e proporrà ogni venerdì, dal 31 luglio al 25 settembre, un repertorio dedicato ai grandi autori della musica classica con un’orchestra composta da musicisti internazionali. Le parti solistiche saranno affidate ai migliori talenti che, da luglio a settembre, prenderanno parte ai corsi di perfezionamento organizzati dall’Accademia Internazionale di musica Talent Music Master Courses.

Siamo fieri di essere riusciti a mettere in piedi questa grande estate di spettacoli, che rivitalizzerà il paese e i dintorni e alimenterà l’economia della comunità – sottolinea Tomas Piccinini, vicesindaco e assessore alla Cultura di Mozzecane -. Si tratta di un’unione di forze importante, in un momento così difficile anche a causa dei costi necessari per l’igienizzazione e le certificazioni, che consentirà di aiutare la ripresa di un paese che, come molti altri, si è fermato. Faremo conoscere così anche la nostra storia culturale e la nostra villa, recuperando inoltre un appuntamento fondamentale sotto il profilo della tradizione qual è la festa dei santi Pietro e Paolo, patroni del paese. Confidiamo in una grande partecipazione del pubblico non solo del nostro territorio, ma anche da tutto il Veronese e dalle regioni limitrofe, che potrà assistere a spettacoli di alta qualità in totale sicurezza e in uno spazio bellissimo”.

Conferma Andrea Turrina, presidente della Fondazione Discanto, che dal 2016 svolge un’attività di valorizzazione e divulgazione dei patrimoni storici, culturali, artistici, sociali e ambientali del territorio. “Come Fondazione abbiamo dovuto rivedere la nostra programmazione a causa dell’emergenza Covid, ma siamo riusciti ugualmente a dare a Mozzecane un evento di grande risonanza, con eventi che la equiparano a città come Brescia e Verona per lo spessore degli artisti. Dobbiamo dire grazie alle importanti realtà imprenditoriali veronesi, che da tre anni sostengono la nostra Fondazione, e all’associazione culturale Artematica, che svolgerà il ruolo di direzione artistica per conto della Fondazione Discanto. Grazie anche a Master Orchestra per la preziosa partecipazione”.

I pianisti Paolo Baglieri e Ilaria Loatelli, già promotori di eventi importanti come il Premio Spezzaferri, che ogni anno conta su una partecipazione di 5.000 giovani, sono le new entry della Fondazione Discanto e seguiranno i ragazzi italiani e stranieri che parteciperanno ai corsi di perfezionamento. “Da luglio a settembre Villa Vecelli Cavriani ospiterà masterclass che si svolgeranno da lunedì a venerdì guidate da docenti di fama internazionale – spiegano -. Basti citare i pianisti Andrea Bonatta, Jacques Rouvier e Dmitri Alexeev, i violinisti Silvia Marcovici e Klaidi Sahatci, il violista Alexander Zemtsov, il violoncellista Jerome Pernoo, il flaustista Adam Walker e l’arpista Florence Sitruk. I giovani studenti arriveranno da tutte le parti del mondo, dalla Russia alla Corea. Il martedì, il mercoledì e il giovedì, da fine luglio a fine settembre, i ragazzi si esibiranno la sera dopo le lezioni e Villa Vecelli Cavriani aprirà le porte a chiunque voglia assistere gratuitamente alle esibizioni. Il venerdì si svolgerà invece il concerto vero e proprio con un’orchestra di 25 elementi, diretta dal maestro Sergio Baietta, che accompagnerà nel ruolo di solisti i migliori allievi che si sono distinti. Il 5 settembre è previsto un concerto speciale con Alexander Zemtsov alla viola, Ilaria Loatelli al piano e Denitsa Laffchieva al clarinetto”.

Sono già oltre 150 gli allievi iscritti alle masterclass, provenienti da tutto il mondo. Un numero rilevante, considerata l’emergenza Covid, che darà un po’ di movimento alla vita del paese. In caso di brutto tempo gli spettacoli verranno spostati all’interno della villa, con capienza ridotta.

Info e prenotazioni
+39 379 161 3613
[email protected]


Discanto Talks

#laculturanonsiferma e neppure Fondazione Discanto. L’attività prosegue sui canali social per diffondere a largo raggio contenuti che testimoniano un percorso in divenire, sempre attento a rimodularsi nel presente. Nei giorni del coronavirus, la nuova squadra Discanto sta varando una serie di iniziative virtuali a carattere imprenditoriale, culturale e artistico.

I protagonisti sono soci partecipanti di Fondazione Discanto, impegnati a condividere il proprio know-how professionale in forma gratuita e accessibile a chiunque. La rubrica “Discanto Talks” offre suggerimenti e consigli utili per mettere in atto strategie e adeguare il luogo di lavoro alle disposizioni del governo.

Chi avesse ulteriori quesiti da porre ai relatori, può farlo tramite le nostre pagine Facebook, Instagram e LinkedIn oppure scrivendo a [email protected] . La risposta verrà data nel più breve tempo possibile.

Chi volesse partecipare all’iniziativa con propri interventi, può inoltrare richiesta, che sarà attentamente valutata, all’indirizzo [email protected].

TALKS AZIENDALI

TALKS CULTURALI


#IO RESTO A CASA

Nonostante la chiusura massiccia di tutte le istituzioni culturali generi un senso di tristezza e di sconforto, la Cultura non si è arresa, anzi si è organizzata per essere virtualmente accessibile e continuare a mostrare e spiegare i propri tesori, in modo che la bellezza e l’ingegno umano possano farci compagnia in questo tempo di forzato e necessario isolamento.

Per questo motivo vogliamo proporvi alcuni contenuti interessanti che possano permettervi di godere della Cultura del nostro splendido Paese, restando a casa.

 

DISCANTO TALKS – NEW!

La rubrica “Discanto Talks”, prodotta da Fondazione Discanto, offre suggerimenti e consigli utili per mettere in atto strategie e adeguare il luogo di lavoro alle disposizioni del governo, ma anche interventi di natura artistica e culturale.

SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI
con Alex Padovani di Ma.Pa srl

CON GLI OCCHI DI BAILARDINO Ep.1
con Italo Martinelli, Presidente di Cenacolo Veronese

CON GLI OCCHI DI BAILARDINO Ep.2
con Italo Martinelli, Presidente di Cenacolo Veronese

 

STAGIONE ALTERNATIVA DISCANTO

Non potendo realizzare eventi live, vogliamo condividere con voi alcuni delle iniziative organizzate in passato da Fondazione Discanto, nella speranza di tenervi compagnia nelle prossime settimane.

DEBUTTO ORCHESTRA EUROPEA DISCANTO

CONCERTO FINALE PREMIO ZINETTI 2019

LEZIONE DI STORIA DELL’ARTE LA DIVINA COMMEDIA NELLA TRADIZIONE PITTORICA OCCIDENTALE

 

MUSEO A CASA

Sono tantissime le possibilità di godersi una visita virtuale dei più prestigiosi musei e delle loro collezioni.
Non puoi andare al Museo? Nessun problema, il Museo verrà da te!

GALLERIE DEGLI UFFIZI

PINACOTECA DI BRERA

MUSEO DEL PRADO

 

LA CULTURA NON SI FERMA

La Cultura sta impiegando tutte le proprie forze per dare la possibilità ai cittadini di accedere in modo alternativo anche a concerti, spettacoli teatrali, cinema d’autore e documentari.

L’ITALIA CHIAMO’

SPECIALE SCUOLA 2020

VIDEOFAVOLE

FAKE OTELLO – CASA SHAKESPEARE

LA COSCIENZA DI ZENO – ERT EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE

INSIEME CE LA FAREMO – BANCA MEDIOLANUM

SPETTACOLO, CINEMA, AUDIOVISIVO – APPUNTAMENTI VIRTUALI

EOM INSTAGRAM MEETING

DANTEDì

IL TEATRO VIVE – TEATRO COMUNALE DI FERRARA

SITI ITALIANI DEL PATRIMONIO MONDIALE UNESCO

GUIDA GALATTICA AL CORONAVIRUS – CHILDREN’S MUSEUM VERONA

 

Continuate a seguirci sui nostri canali Facebook e Instagram per restare sempre aggiornati.


VERSO IL SILENZIO – Gustav Mahler e la nona sinfonia

 

 

“Una sinfonia deve essere come il mondo. Deve contenere tutto” (Gustav Mahler) 

 

“VERSO IL SILENZIO. Gustav Mahler e la nona sinfonia” è il titolo della conversazione, con esempi musicali, a cura del Maestro Nicola Guerini, che si terrà nel salone affrescato della settecentesca Villa Vecelli Cavriani a Mozzecane (VR).

I numeri combaciano: della Sinfonia numero 9 si parlerà giovedì 9 gennaio 2020 alle ore 20.45.

La serata è organizzata da Fondazione Discanto e segna la ripresa delle attività culturali e artistiche per il nuovo anno.

Avvalendosi di contributi al pianoforte e audio e video, il direttore d’orchestra e raffinato divulgatore maestro Nicola Guerini condurrà il pubblico attraverso i suoni e i paesaggi dell’anima nella poetica di Gustav Mahler.

«Lieder e Sinfonie si intrecciano nel linguaggio di Mahler fino a confluire nel Canto della Terra e il grande adagio della Nona. In quelle ultime pagine la musica va morendo, mescolandosi nel silenzio in una dimensione “altra”», spiega Guerini.

Vissuto dal 1860 al 1911, Mahler ebbe in vita grande fama come direttore. Dopo la morte le sue composizioni furono collocate tra i massimi esempi della musica sinfonica a cavallo tra Otto e Novecento. Esponente del post-romanticismo, innestò nel linguaggio sonoro elementi eterogenei, rispondenti a una propria peculiare espressività. La Sinfonia n.9 in re minore, scritta nel 1910 all’apice della maturità artistica, presenta un’architettura sonora solida benché quasi cameristica, che esprime una natura intima e profondamente poetica.

 

Nicola Guerini
Nato a Verona, ha studiato Pianoforte, Organo, Composizione, Direzione al Conservatorio “Pollini” di Padova e al Conservatorio “Verdi” di Milano. Si è perfezionato all’Accademia Chigiana, all’Accademia Pescarese con Donato Renzetti. Nel 2010 ha conseguito un Master of Arts in Music Conducting presso la Musikhochschule di Lugano (Svizzera) con Giorgio Bernasconi e Arturo Tamayo.
Ha debuttato a 24 anni come compositore e direttore per la Fondazione Arena di Verona. Ha partecipato a festival e prestigiose stagioni concertistiche con importanti orchestre tra cui: Orchestra Sinfonica di Roma, Orchestra Filarmonica di Rousse, Targu Mures Philarmonia, Orchestra HRT di Zagabria, Mozart Chamber Orchestra, Ensemble ‘900 di Lugano, ICARUS Ensemble, Targu Mures Philarmonia Orchestra, Rousse Philharmonic Orchestra, Orquesta Sinfónica de la UANL di Monterrey, Sofia Philarmonie, Berliner Symphoniker e la PKF Prague Philarmonia. Ha inciso che la Naxos e la Deutsche Grammophone. È autore di saggi e da anni collabora con riviste specializzate e programmi radiofonici. È Presidente del Festival Internazionale Maria Callas e del Fondo Peter Maag.

 

INFO EVENTO
Giovedì 9 gennaio 2020 – ore 20.45
Villa Vecelli Cavriani, via Caterina Bob Brenzoni 3 – Mozzecane (VR)
Ingresso posto unico euro 5
Info: 045 8538071 – [email protected]


Verona nel cuore

A Verona si nasce, Veronesi si diventa.
La città e la provincia ti entrano nel cuore, la sua gente (tutti “máti”) ti conquista.

Accade così per chi passa di qui da turista, affascinato dalla storia e dalle bellezze della città, sedotto dai suoi piatti e vini. Lo stesso vale per chi raggiunge la città diretto in Arena ad ascoltare l’opera o a vivere per uno spettacolo.

Non lasci la città senza la promessa di tornare.

Accarezzata dall’Adige, Verona seduce e trasforma chi ci vive mutandone la vita e influenzandone il vocabolario.

Inevitabilmente la città è legata all’Hellas Verona. La settimana è scandita dalla cerimonia del balón, canone celebrato con i colori giallo-blu dai protagonisti che ne hanno vestito la maglia. Maglia che in molti casi ha pervaso ben sotto la pelle il cuore e l’anima di chi la indossa in campo e sugli spalti.

 

Fondazione Discanto intende celebrare la veronesità e l’Hellas Verona ascoltando chi ne è diventato l’emblema.

Raffaele Tomelleri intervista Livio Luppi e Gianfranco Zigoni, interpreti di una stagione favolosa del calcio e della vitalità veronese.

Italo Martinelli e Dino Gamba ci accompagnano a individuare nella storia e riconoscere nelle immagini i tratti della “veronesità” stessa, sorridendo dei tratti istrionici e geniali di chi vive la nostra splendida città.

 

Ricevimento Ospiti dalle 19:00.
Inizio dell’incontro ore 19:30.
La serata si concluderà alle 21:00 con apericena.

INGRESSO SU INVITO


Concerto in Villa

Fondazione Discanto, giovedì 05 dicembre p.v. alle ore 19.30, in occasione del tradizionale scambio di auguri, apre le porte di Villa Vecelli Cavriani per un evento esclusivo di Natale.
La serata sarà dedicata ad una raccolta fondi benefica in favore della Fondazione Historie Onlus di Villafranca di Verona, che dal 1978 offre alle persone con disabilità o fragilità mentale servizi per la socializzazione, il recupero delle abilità e la riabilitazione.

Alle ore 20.00, dopo un aperitivo di benvenuto, avrà inizio il concerto del pianista Simone Losappio, primo classificato nella categoria solisti al Premio Internazionale di Musica “Gaetano Zinetti” 2017 nel suggestivo salone d’onore della settecentesca Villa.

L’evento, aperto a tutta la cittadinanza, sarà a ingresso libero e gratuito. Per contribuire alla causa, durante la serata sarà allestita una lotteria con in palio prestigiosi premi. Ciascun partecipante potrà acquistare i biglietti (al costo di 1€ cad) prima dell’inizio del concerto e ad ogni acquisto verrà rilasciato un piccolo omaggio in segno di riconoscimento.

Dopo il concerto, alle ore 21.00 circa, Fondazione Discanto sarà particolarmente onorata di condividere un momento conviviale con una cena, a cura di Scapin 1935, che si terrà nelle scuderie di Villa Vecelli Cavriani al costo di € 35,00 a persona.

Al termine della cena verrà effettuata l’estrazione dei biglietti della lotteria il cui ricavato sarà interamente devoluto alla Fondazione Historie Onlus.

BIGLIETTI VINCENTI
n. 451 – Maglietta BluVolley Verona
n. 424 – Pallone autografato BluVolley Verona
n. 650 – Maglietta BluVolley Verona
n. 275 – Biglietti partita Hellas Verona-Genoa del 12/01/20
n. 16 – Maglietta BluVolley Verona
n. 238 – Cesto Gastronomico

per i premi si ringraziano: BluVolley Verona , MA.PA srl, Scaligera Arredamenti, Scapin1935

Il tempo utile per il ritiro dei premi è di 30 giorni dalla data di estrazione.

Per informazioni 045 8538071 – [email protected]


Il codice della citta

Il De civitate Dei di sant’Agostino.
Tradizione manoscritta, contesto storico e quadro teologico

BIBLIOTECA CAPITOLARE DI VERONA 
MERCOLEDÌ 13 NOVEMBRE ORE 17.00

Ispirandosi al motto agostiniano peregrinando procurrit (Civ. Dei 18,51,2) il Centro Studi “Sant’Agostino” – Verona intende rivisitare l’eredità del cristianesimo antico custodita nella realtà veronese, promuovendo corsi di approfondimento e incontri a carattere divulgativo.

Presentazione:
Dopo un’introduzione sul codice della Capitolare (cod. XXVIII) che riproduce il più antico testo del De civitate Dei (R. Ronzani), l’opera viene inquadrata nel contesto storico originario (A. Rossi), rilevandone alcuni apprezzabili e attuali spunti teologici (G. Laiti). Un’occasione per riscoprire i fondamenti su cui si è edificata la “città” di ieri, per comprendere meglio quella di oggi e gettare uno sguardo su quella di domani.

Saluto:
S.E.R. Mons. Giuseppe Zenti, Vescovo di Verona
Mons. Bruno Fasani, Prefetto della Biblioteca Capitolare

Relazioni:
Rocco Ronzani (Istituto Patristico “Augustinianum” – Roma)
Alessandro Rossi (Università di Milano)
Giuseppe Laiti (Studio Teologico “San Zeno” – Verona)

Per la migliore organizzazione dell’evento è gradita la segnalazione della propria partecipazione compilando un breve modulo CLICCA QUI PER ISCRIVERTI
L’iscrizione e la partecipazione al convegno sono gratuite

www.codice28.it


Condividi con

Newsletter